News

Con la Civitanovese il 1° Trofeo del Mare “Dario Cocciaro”

Sabato 9 settembre alle ore 17:30 al Campo Sportivo Nuovo (a sud di Porto San Giorgio) la Sangiorgese disputerà il primo Trofeo del Mare “Dario Cocciaro”. Avversario dei nerazzurri la Civitanovese, militante in Prima Categoria.

Il trofeo è stato istituito per onorare la memoria di Dario, ex presidente e dirigente della grande Sangio recentemente scomparso. “Dario, nonostante l’età e la malattia, ci è stato vicino fin dall’inizio in Terza categoria” – commentano dalla dirigenza nerazzurra -, “spronandoci a fare sempre meglio e raccontandoci aneddoti e dispensando consigli che ci hanno consentito di crescere sia come uomini che come dirigenti. Era sempre in prima fila insieme alla cara moglie Giuseppina alle partite della Sangio e se il tempo o la salute non gli consentiva di scendere guardava la partita dalla macchina.”

“Nelle rare occasioni in cui non era allo stadio” – racconta il presidente onorario dei nerazzurri, Gabriele Frontoni – “esattamente tre minuti dopo il fischio dell’arbitro mi telefonava perché gli raccontassi la partita. Per me è stato un punto di riferimento importante, mi ha trasmesso, a me che vengo da Montappone, lo spirito guerriero della Sangio che fu e che spero sia lo stesso della Sangio di quest’anno”.

“Alle 17.00 ci troveremo al campo sportivo comunale a sud insieme a tutti i tecnici, dirigenti e ragazzi del settore giovanile per ricordare Dario, ricevere la benedizione di Don Pietro organizzata dal presidente Gualberto Vitali Rosati e da Stefano Sabbatini, e successivamente avrà luogo l’amichevole con la Civitanovese che assegnerà il primo Trofeo del Mare Dario Cocciaro”.

“Sarà l’occasione per presentare la squadra, il settore giovanile, i tecnici e vivere insieme un pomeriggio di sport – conclude il vertice dirigenziale -. Abbiamo invitato anche le altre realtà calcistiche di Porto San Giorgio, Olimpia, Borgo Rosselli e Mandolesi perché sia un evento vissuto come momento di sana e pura aggregazione sportiva sotto il segno del calcio, in memoria di un dirigente, Dario, che tanto ha dato al calcio cittadino”.